locanda benetti
Food

Locanda Benetti : quasi una semifinale di Champions League

Un mesetto fa ho avuto il piacere di passare un weekend nella splendida provincia di Vicenza, vi parlerò nei prossimi giorni della location usata come base, mentre ora vi racconto di quello che ho mangiato a Costabissara e più precisamente alla Locanda Benetti.

Parto dalla prenotazione telefonica che mi aveva un po’ lasciato perplesso.
Mi risponde un sudamericano, io tra me e me penso “Cazzo, devo aver sbagliato qualcosa”, invece con l’accento di Zamorano mi ha proprio detto “Locanda Benetti buonasera”.
Chiedo se c’è la possibilità di un tavolo per sabato sera, lui mi interrompe e comincia a parlare gridando  idiomi spagnoli con una donna, mi chiede scusa, resta in silenzio 4 secondi e poi dice “Ok signore a posto buonasera!”.
Io riprendo la conversazione con un urlo mentre lo immaginavo gia che schiacciava il tasto rosso del telefono.
“Per le 20 va bene?!?!?!”.
Lui perplesso, come se le ore fossero un piccolo dettaglio, mi risponde “Certo!” e attacca.

Dico la verità, non ero così sicuro di trovare il tavolo per 2 alle 20 quel sabato sera…

…E invece c’era!
Con molta gentilezza mi viene detto che abbiamo la scelta del dentro o fuori, io spingo per il dentro perchè ho un brutto rapporto con le zanzare, loro odiano me, io odio loro.
Ovviamente la dolce metà dice “No, no va benissimi fuori” e io chi sono per dire il contrario?

Appena metto piede nel giardino però cambio idea perchè la location è davvero carina.
Ci viene dato l’ultimo tavolo, lontano da tutti gli altri e io godo perchè odio la gente quasi più delle zanzare.

Mi ero preparato sul menu perchè prima di andare a cena passo almeno un mese a leggere recensioni, guardare immagini e leccare lo schermo del Mac.
Sapevo gia dove andare a parare, quasi come un novello Claudio Garella.

Ordiniamo i tortelloni alla faraona che venivano decantati in maniera Dantesca da tutto Tripadvisor e poi ci dividiamo sul secondo con una spalla di vitello cotta a bassa temperatura e un polletto in tecia, altra grande specialità di casa.

Parto dai secondi : buoni, porzioni generose, saporiti, ma forse forse si poteva fare qualcosina in più.
Il giudizio però va valutato sul fatto che i tortelloni mangiati prima erano una goduria che piu goduria non si può.
Cioè, guardate la foto e gia state sbavando.
Enormi, sapore unico anche grazie al sugo di arrosto che li ha accompagnati sbrodolanti sul piatto.
Una scena quasi da film porno.

Pur vicino alla esplosione ho ordinato anche un dolce : dei simpatici bignè con chantilly al rum.
Buoni, anche se la crosticina della glassa me li ha quasi rovinati, ma solo per mio gusto personale.

Servizio ottimo, conto per una tasca media assolutamente meritato.

Diciamo che mi sono sentito quasi con un piede nella semifinale di Champions League, eliminati ai rigori dopo una partita combattuta.

Brava Locanda Benetti!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *