festa di fine anno
Ansie

La festa di fine anno

Oggi pomeriggio si conclude il percorso all’asilo nido di mio figlio, con una fantastica festa di fine anno.
Proseguirà ancora per 15 giorni la frequenza, poi dovrà salutare le sue maestre, la sua cuoca e soprattutto i suoi amici, che non sempre sono amici visti i morsi e i lividi che ogni tanto porta a casa come trofei.
Se ripenso a cosa eravamo un anno fa mi viene il magone.
Se penso a cosa siamo ora mi viene il magone.
Se penso a quello che saremo mi viene l’ansia, ma ovviamente per me è normale.

Il periodo marzo / settembre 2018 lo porterò sempre nella mia testa, una coltellata dietro l’altra, navigazione a vista nella merda più completa, io che ho dovuto farmi forte quando in realtà ero molto debole e depresso.

Poi il trasloco, la telefonata al comune chiedendo se all’asilo c’era ancora un posto e la risposta positiva che mi ha fatto esultare, perchè ad un bambino non deve essere mai negata la gioia di imparare qualcosa e non volevo essere io la causa del contrario.
In un anno ha avuto un cambiamento netto e abbiamo potuto gustarcelo giorno dopo giorno.
Vederlo iniziare ad affrontare le problematiche della vita con grinta e tanta voglia di farcela è stato bellissimo.
Ed è bellissimo tuttora.

Il grosso merito va al Nido di Cervignano del Friuli, forse l’unica cosa decente della città che ci ha accolto l’anno scorso.
Maestre brave, disponibili, sempre sorridenti nonostante un lavoro terribilmente difficile.
Con la festa di fine anno se ne va anche una parte di me, quella della sveglia alle 7.15, la colazione con il latte e cacao, la merendina, il viaggio verso l’asilo, il tornare alle 13 a prenderlo con lui che corre verso di me abbracciandomi.

A ottobre si cambia di nuovo vita, non dico per sempre, ma spero che la nuova città piu vicina alla civiltà e la nuova casa, che potremo chiamare finalmente “nostra”, siano le basi per una nuova partenza, nonostante i problemi, le difficoltà e tutto quello che non ci abbandonerà mai.
Spero soprattutto che mio figlio possa trovarsi bene alla scuola materna e che possa trovare tanti nuovi amici con cui correre, discutere di macchine e giocare a pallone.
La vita dei figli è in mano a noi genitori, non dobbiamo mai fargli mancare nulla, soprattutto la gioia e uno scudo dietro al quale difendersi.

Canzone di sottofondo consigliata : Every goodnight is a goodbye – Luca Milani (2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *